La pulizia della stufa a pellet
AREA TECNICA

La pulizia della stufa a pellet

16 Mag 2022
0
Filtri >

Ogni quanto, in che modo e perché effettuare la manutenzione

La corretta e regolare manutenzione degli impianti domestici è il modo migliore per garantire la durata nel tempo e l’efficacia degli apparecchi utilizzati per riscaldare la casa. La pulizia della stufa e della canna fumaria rientra in questo tipo di operazioni ed è fondamentale per il corretto funzionamento del sistema di riscaldamento ed evacuazione fumi: questo vale anche per le stufe a pellet, che necessitano proprio come quelle a legna di una adeguata manutenzione.

 

Quando pulire la stufa a pellet?

Pulire la stufa a pellet è un intervento da compiere a intervalli regolari nel corso dell’anno. Solitamente si raccomanda di eseguire la manutenzione almeno una volta all’anno, ma se si vuole avere una stufa performante ed evitare problemi è consigliabile svolgere questa operazione due volte: il periodo migliore per la pulizia straordinaria della stufa a pellet è infatti all’inizio dell’autunno, prima del primo utilizzo, e poi una seconda volta a fine stagione, al termine dell’inverno.

Non bisogna tuttavia limitarsi alla manutenzione annuale: durante il periodo di utilizzo, vale a dire nei mesi autunnali e invernali, è opportuno effettuare la regolare pulizia ordinaria della stufa a pellet settimanalmente oppure ogni due settimane, a seconda della frequenza di utilizzo: in questo modo eviteremo che lo sporco e i residui di combustione all’interno della stufa possano ostacolare il regolare funzionamento della stessa o causare problemi.

 

Come pulire la stufa a pellet internamente

Per pulire al meglio una stufa a pellet occorre utilizzare strumenti adatti e occuparsi di tutti i componenti della stufa. Le operazioni fondamentali da compiere sono:

  • rimuovere la cenere dalla stufa: svuotare il cassetto della cenere e pulirlo accuratamente, utilizzare un bidone aspiracenere per aspirare tutti i residui di cenere dall’interno della stufa, dal braciere, negli angoli e lungo i bordi;
  • rimuovere il pellet: oltre a togliere eventuali residui di pellet depositatisi nel braciere o nella camera di combustione, la pulizia straordinaria della stufa di fine stagione dovrebbe lasciare il più possibile la stufa vuota, con il serbatoio pellet libero dal combustibile per evitare che il pellet durante il periodo di spegnimento possa ridursi in segatura o gonfiarsi per l’umidità;
  • pulire l’interno della stufa: perché la stufa a pellet funzioni al meglio la camera di combustione deve essere il più pulita possibile. Per ottenere questo risultato, dopo aver passato l’aspiracenere lungo le pareti interne, possiamo utilizzare un panno (senza prodotti aggiuntivi) per eliminare fuliggine e impurità presenti nella stufa;
  • pulire il vetro della stufa a pellet: solo alla fine, come ultima operazione, è consigliabile occuparsi della pulizia del vetro, perché con le precedenti operazioni succede sempre di muovere cenere e fuliggine e si rischierebbe di sporcarlo nuovamente. Per il vetro della stufa si possono utilizzare specifici detergenti per vetri e un panno bagnato, asciugando poi con cura. Il vetro pulito rende più bella la stufa da vedere e fa percepire anche visivamente il calore del fuoco;
  • pulire i tubi della stufa a pellet: questo tipo di intervento rientra nella manutenzione e pulizia della canna fumaria, che deve essere svolta da un professionista certificato. Scopri come pulire la canna fumaria

 

Cosa succede se non si pulisce la stufa a pellet?

Pulire regolarmente la stufa a pellet è importante, ma spesso rischiamo di accorgercene solo quando ormai è troppo tardi. La mancata pulizia della stufa a pellet può ovviamente ripercuotersi sul corretto funzionamento dell’apparecchio, ma rischia di avere conseguenze anche su tutto il sistema fumario e sulla qualità dell’aria che si respira all’interno della casa. Una stufa a pellet usata frequentemente o comunque abitualmente produce inevitabilmente residui di combustione come cenere e fuliggine – per quanto in quantità minore rispetto alle stufe a legna: scopri di più sui vantaggi del pellet – che se non smaltiti adeguatamente rischiano di depositarsi all’interno della canna fumaria creando ostacoli e riducendo il diametro dei tubi, diminuendo di conseguenza il tiraggio del camino e l’efficacia dello smaltimento fumi.

Di conseguenza, una stufa a pellet pulita è una stufa a pellet efficiente, bella da vedere, che consuma meno e che dura di più nel tempo.

Condividi la notizia

Ti potrebbe interessare anche...

sistemi-fumari-condominiali-collettivi-canne-fumarie-palazzi.jpg
24 Mag
AREA TECNICA

Sistemi fumari a servizio di più utenze

Lo smaltimento fumi dall’interno all’esterno di un’abitazione è il compito specifico di un si...

legna-pellet-confronto-vantaggi.jpg
06 Mag
AREA TECNICA

Legna o pellet, quale è meglio?

Se abbiamo deciso di installare un impianto a biomassa per il riscaldamento domestico (scopri di pi�...

biomassa-impianti-green-sostenibilita-fonti-rinnovabili-pellet-legna.jpg
22 Apr
AREA TECNICA

La biomassa e le energie rinnovabili

Nel mondo che guarda con preoccupazione ai cambiamenti climatici in corso e all’impatto delle atti...

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.

Tutti i campi sono obbligatori

< Chiudi

NOTIZIE PIÙ LETTE

UN ESEMPIO DI SCARICO VIETATO
07 Set
AREA TECNICA

SCARICO A PARETE: UN COMPORTAMENTO IRRESPONSABILE

FACCIAMO CHIAREZZA! Il decreto legislativo 102 del 04 luglio 2014 indica come unico luogo di evacuazione dei fumi e dei vapori di cottura la sommit...